Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

Riunione del Comitato centrale del 14 marzo 2019, di Patrick Dal Mas.

Per l’Ufficio Presidenziale, in entrata di seduta, il Presidente saluta i membri di Comitato e informa i presenti che il Pool Caccia-Pesca-Tiro hanno deciso di far stampare un flyer, da allegare al numero congiunto del bollettino “La Caccia” e “La Pesca” di aprile (che uscirà anticipatamente verso il 20 marzo), contenente i nominativi dei candidati da sostenere alla prossima votazione cantonale d’aprile. I lavori d’organizzazione del Salone Passion Nature di Martigny, a cui la FCTI parteciperà come ospite d’onore, congiuntamente al DT, stanno procedendo in modo spedito. Il Presidente informa poi dello scritto del socio Giovanni Brumana, il quale comunica lo scioglimento della Società Cacciatori Segugisti Ticino. Il presidente informa che Cleto Ferrari ha inoltrato una mozione in GC in relazione ai danni causati dalla selvaggina (in particolare cervi e cinghiali) alle colture e sulla relativa gestione dell’UCP in merito. Il Comitato definisce poi la partecipazione dei propri membri alle varie assemblee venatorie previste in questi mesi.

Sezione italofona del Setter Pointer Club Svizzero

Il 20 febbraio 2019, si è tenuta a Rivera l‘annuale Assemblea dei soci. L‘ordine del giorno prevedeva, tra le altre trattande, il rinnovo del Comitato, i cui membri eletti dall‘Assemblea sono:

- Giuseppe Ferla, presidente
- Patrizio Blotti, membro
- Ivan Fiscalini, membro
- Mattia Lorenzetti, membro
- Carlo Rampini, membro

La sezione si rivolge non soltanto ai cinofili in senso stretto, ma si prefigge di coinvolgere in futuro nelle proprie attività anche i cacciatori cinofili cosí come i cinofili cacciatori. Con questo intento, le informazioni saranno pubblicate anche sulle riviste dei cacciatori.

Il Comitato

Sottocategorie

Fotografie

Quando qualche mese fa uscimmo con la prima ricetta, un po’ particolare perché si parlava di lingua, temevo che fosse vista quasi come una provocazione o peggio, con un certo disprezzo. Al contrario, in base ai numerosi apprezzamenti e le richieste di spiegazioni dettagliate sul come prelevare lingua e guancette dalla testa, oserei dire che si sia trattato di un inatteso successo, comunque un’attestazione di interesse verso la valorizzazione del provento della caccia. Ci sentiamo così spronati a continuare quella che dovrebbe diventare una rubrica regolare sul nostro sito ed eventualmente sulla rivista federativa, possibilmente con i benvenuti contributi dei lettori, disposti a svelare qualche loro segreto culinario. Le varie ricette verranno d'ora in poi pubblicate sotto l'apposita rubrica Selvaggina in tavola. Prima di cambiare tema, mi sia concesso di proporre ancora una ricetta sulla parte del selvatico sinora e spero, d’ora innanzi non più, tartassata dagli organi di controllo. L’ispirazione mi è venuta in Engadina, ad una cena in un vecchio albergo da poco rinnovato e riaperto, dove la lingua era però di vitello. Ho pensato che valesse la pena provare, e il risultato è stato tutt’altro che deludente, anche perché quella di cervo risulta meno grassa e quindi più adatta per un carpaccio freddo, o tiepido.