Venerdì 3 febbraio un pubblico numeroso, composto da appassionati di caccia alla lepre ma anche da altri cacciatori interessati e presente pure Andrea Stampanoni dell'UCP, ha ascoltato con attenzione le relazioni del dr. Scipioni e della dr. Caslini. La serata è stata organizzata congiuntamente dall FCTI e dalla sezione ticinese del Club Segugio Svizzero.

 

Il dr. Riccardo Scipioni, specialista in gestione della fauna selvatica ha tenuto una brillante relazione toccando vari punti come i fattori limitanti (predazione, malattie, ecc.), l'importanza dei censimenti ripetuti, vantaggi e svantaggi dei ripopolamenti, il drammatico trend della lepre in Ticino e le conseguente necessità di individuarne le cause,  e ha stimolato gli addetti ai lavori a iniziare qualcosa di concreto per la lepre. La dottoressa Chiara Caslini, veterinaria, dopo aver brevemente esposto le modalità dei rilievi biometrici delle lepri catturate (in Valtellina), con la determinazione dell'età dei soggetti, importante per stabilire il rapporto fra giovani e adulti nelle catture, ha passato in rassegna con numerose diapositive le principali malattie che colpiscono le lepri, facendo un quadro completo della situazione sanitaria. Una serata ben spesa per i partecipanti, un sentito grazie ai due Relatori e la sensazione che anche da noi  sia opportuno e necessario fare qualcosa di più anche per la lepre. Potete vedere le due presentazioni cliccado qui sotto:

 gestione lepre

malattie lepre