Caccia Svizzera ha recentemente pubblicato il rapporto finale della giornata, che si è svolta lo scorso 7 marzo a Olten. Gli organizzatori, la Conferenza dei servizi della caccia e della pesca, CacciaSvizzera e l’Ufficio federale dell’Ambiente, vi hanno invitato gli amministratori cantonali della caccia, due rappresentanti per ognuna delle Federazioni cantonali dei cacciatori e i collaboratori della Sezione Fauna selvatica e biodiversità nella foresta dell’UFAM. Gli obiettivi generali intendevano aggiornare le conoscenze dei partecipanti sull’evoluzione degli effettivi e delle catture di camosci in Svizzera e dei fattori che possono influenzare questa evoluzione.

A conclusione della giornata, gli organizzatori del Convegno hanno elencato gli obiettivi e le misure di attuazione per avere degli effettivi di camosci in buona salute, con una struttura sociale e una ripartizione delle classi di età più possibile vicina a quella naturale, evitando possibilmente dei grossi cali di effettivi e, infine, assicurare la caccia al camoscio in Svizzera anche a lungo termine. Torneremo sul tema, con particolare riferimento alla situazione in Ticino sul numero di ottobre della rivista La Caccia. Per visualizzare il rapporto finale, in francese, clicca qui