Venerdì 3 febbraio un pubblico numeroso, composto da appassionati di caccia alla lepre ma anche da altri cacciatori interessati e presente pure Andrea Stampanoni dell'UCP, ha ascoltato con attenzione le relazioni del dr. Scipioni e della dr. Caslini. La serata è stata organizzata congiuntamente dall FCTI e dalla sezione ticinese del Club Segugio Svizzero.

Esprimiamo un plauso all’ufficio della Caccia del Canton Grigioni per la puntuale e continua informazione rivolta ai cacciatori attraverso il sito internet, la rivista "Cacciatore grigione/Bündner Jäger" e attraverso pubblicazioni divulgative come quella recentemente pubblicata sul tema trattato in occasione delle serate organizzate dalla FCTI dedicate al cervo: Info pic, un fascicoletto denso di concetti ed informazioni interessanti e importanti per ogni cacciatore che voglia approfondire la materia. Opuscolo che ci è stato gentilmente presentato e che la FCTI si è procurata per mettere a disposizione dei nostri cacciatori in occasione delle serate e presso lo stand federativo alla Borsa delle armi di Bellinzona i prossimi 3-5 febbraio.

 Potete scaricare l'intero fascicolo cliccando qui  Info pic

Per la sesta volta il 19 e 20 agosto 2011 la Società svizzera di biologia della fauna e la Sezione Caccia, pesca, biodiversità forestale dell’UFAM hanno organizzato le giornate sulla selvaggina. A Lyss. Il tema di questo incontro tra esperti della fauna selvatica era “100 anni dopo il suo ritorno in Svizzera – lo stambecco non finisce di sorprenderci”. Cogliamo l’occasione per darvi un riassunto delle relazioni di vari conferenzieri.

cervi.jpgDal 18 al 20 agosto scorsi ho partecipato a tre giornate di formazione a Lyss. La prima, organizzata dalla Società Forestale Svizzera nell’ambito della problematica “Bosco-Selvaggina” era interamente dedicata al cervo e nelle righe che seguono cercherò di fare un breve riassunto dei temi trattati. Le altre due erano organizzate dalla Società Svizzera di Biologia della Fauna, dove l’argomento principale è stato lo stambecco e di cui riferirò prossimamente. Massiccia la presenza di esperti dell’UFAM, rappresentanti di Istituti Universitari, numerosi responsabili di Uffici Cantonali della Caccia, forestali, biologi, veterinari e semplici cacciatori. Tre le presenze ticinesi: due giovani biologi freschi di diploma, uno dei quali in attesa di iniziare uno studio sugli stambecchi nel Parco Nazionale Svizzero, e il sottoscritto per la FCTI.