Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

Martedì 6 settembre 2016 il Dipartimento del territorio (DT) ha tenuto a Malvaglia una conferenza stampa per presentare un innovativo sistema di segnaletica attiva installato recentemente  in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni (DI) e la Polizia cantonale in due tratti di strada cantonale nei Comuni di Serravalle e di Claro.
Ogni anno in Svizzera succedono 20’000 incidenti stradali con il coinvolgimento di selvaggina. I danni ammontano a 25 milioni di franchi spesi per riparare i veicoli e a volte vi sono pure feriti fra le persone coinvolte. Questo ha portato le autorità cantonali a provare questi nuovi sistemi di segnaletica attiva, visti i risultati positivi raggiunti in Svizzera con iniziative analoghe. In seguito all’aumento della selvaggina in pianura pure in Ticino i sinistri di questo genere sono aumentati, e mediamente se ne registrano 500 ogni anno.

I dipartimenti del Territorio e delle Istituzioni hanno presentato questo progetto pilota, basato su una segnaletica luminosa che indica la presenza di selvaggina nelle immediate vicinanze o sulla carreggiata grazie a dei sensori che registrano il calore o il movimento degli animali in un raggio di alcune centinaia di metri. Immediatamente i cartelli si illuminano segnalando la presenza di animali e abbassando il limite di circolazione alla velocità di 40 km/h, riducendo considerevolmente il tratto di frenata e quindi il rischio di incidente.
Due di questi dispositivi sono stati attivati recentemente sulla strada cantonale a Malvaglia (zona alla Legiüna) e a Claro (all’altezza dell’ex Motel Riviera), luoghi privilegiati dagli ungulati per l’attraversamento della valle e punti noti per frequenti incidenti in passato. Come spiegato alla stampa dal direttore del DT Claudio Zali la soluzione adottata è stata ritenuta la più idonea; questa segnaletica “intelligente” dovrebbe mitigare i conflitti. La fase di verifica durerà un anno e a dipendenza dei risultati, l’esperimento potrà essere riprodotto in altri punti pericolosi (in bassa valle Maggia). I due sistemi, in parte alimentati tramite pannelli fotovoltaici, costano da 50 a 70.000 franchi l’uno, a dipendenza del numero di sensori necessari. Al finanziamento hanno contribuito i Comuni che li ospitano e lo speciale Fondo di intervento alimentato dalle patenti dei cacciatori.
I nuovi dispositivi permettono di migliorare la sicurezza degli utenti della strada e di incrementare la funzionalità di due passaggi faunistici di importanza nazionale. Al termine della conferenza stampa i presenti si sono spostati in zona Legiüna per prendere visione dell’impianto realizzato a circa 2 km a sud dell’abitato di Malvaglia, nel tratto stradale in corrispondenza del passaggio faunistico nazionale TI 10.

Per visionare la presentazione completa con vari dati e statistiche clicca qui