Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

 

Riunione del Comitato centrale del 24 aprile 2017 (testo di Patrick Dal Mas)
Il Presidente apre la seduta informando che è stata paventata l’uscita della Federazione dei cacciatori vallesani da Caccia Svizzera perché in contrasto su due temi: il primo riguarda il riconoscimento reciproco dell’esame di caccia fra i Cantoni (secondo la nuova Legge Federale), che faciliterebbe la possibilità di poter cacciare in altri cantoni per chi possiede un’autorizzazione cantonale; la seconda riguarda la posizione di Caccia Svizzera a riguardo del lupo, ritenuta troppo blanda.

Il Presidente prosegue poi comunicando che è avvenuto un incontro con Leoni e Tettamanti sulla futura gestione dello stambecco. Nel 2017 ci sarà un incremento dei capi assegnati (69) e un aumento delle zone in cui lo si potrà cacciare. Inoltre l’UCP ha trasmesso alla FCTI una proposta di regolamento, che sarà analizzata prossimamente dall’Area Ungulati. La data del sorteggio è stabilita per il 2 maggio. Per quanto concerne la prova di tiro obbligatoria per il cacciatore (prevista dall’ordinanza federale) l’UCP sta valutando un’eventuale installazione di bersagli elettronici al Ceneri. Il Presidente passa poi in rassegna le varie proposte distrettuali per gli indirizzi venatori 2017, il cui esito verrà comunicato ai distretti stessi. Per quanto riguarda l’area comunicazione, il responsabile informa di un incontro con il veterinario cantonale, in quanto il 1º maggio entrano in vigore le nuove ordinanze sulla sicurezza alimentare del pacchetto “Largo”, di cui alcune riguardano i controlli della selvaggina. L’Ufficio preposto vuole fare il punto della situazione e individuare una possibile collaborazione con la Federazione, come la formazione delle persone esperte per il controllo della selvaggina, il riconoscimento degli stabilimenti per il controllo delle carni e l’identificazione dei capi abbattuti. Il responsabile informa poi i presenti che l’avvocato M. Gilardi ha donato alla FCTI un orso asiatico impagliato per la sua collezione. Il responsabile dell’Area Segretariato e Finanze comunica che, a revisione contabile effettuata, la FCTI registra un utile di oltre quattromila franchi, con un ammortamento già incluso. Il responsabile dell’Area Formazione e Esami comunica che gli iscritti all’esame scritto del 6 maggio 2017 sono 75. Si segnala anche un preoccupante calo di frequenze ai corsi di formazione organizzati dalla FCTI. Per quanto concerne l’Area Logistica e Eventi, l’organizzazione dell’Assemblea Delegati e di quella di Caccia Svizzera è praticamente ultimata. Il responsabile dei Rapporti Interni ed Esterni, informa della notizia, comparsa sui media, del ritrovamento di arti di ungulati nel Malcantone. Dopo un’iniziale ipotesi di bracconaggio, il tutto è stato poi chiarito, in quanto si trattava di un’esercitazione per i cani da traccia, che necessitano esercizi di questo tipo. Negli eventuali si decide di definire un regolamento per l’utilizzo del furgone FCTI da parte di altre società.