Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

Riunione del Comitato centrale del 21.12.2017 di Patrick Dal Mas
Il Presidente, per l’Ufficio Presidenziale, apre la seduta ribadendo la propria indignazione, condivisa da tutti i cacciatori, a proposito della fiction trasmessa recentemente dalla TSI, “Il Guardacaccia”. A questo proposito, il Presidente, a nome della FCTI, aveva inoltrato una lettera al Direttore della RTSI, Maurizio Canetta, pretendendo le scuse nei confronti della categoria. La risposta di quest’ultimo contiene invece tutta una serie di giustificazioni in merito alle (infelici) scelte di contenuto della fiction, ma nemmeno un cenno di scuse in merito. Per questo motivo, il Comitato FCTI, valutate le possibili opzioni, decide di inoltrare un reclamo all’ombudsman della RTSI.
Il responsabile dell’Ufficio Presidenziale informa poi che la Legge federale sulla Caccia è giunta sui banchi della Commissione del Consiglio degli Stati, mentre la nuova Legge federale sulle armi, la cui revisione è in consultazione, potrebbe contenere degli aspetti, legati al terrorismo e alla detenzione delle armi, che preoccupano sia i tiratori e che i cacciatori svizzeri. La massima vigilanza sul tema sarà dunque d’obbligo.

Massima vigilanza è anche richiesta, nei prossimi mesi, nei confronti del progetto del Parco Nazionale del Locarnese, che si sta avvicinando sempre più alla delicata fase di votazione popolare. In questo senso si è formata un’Associazione contro il progetto in questione, che ha recentemente inviato a tutti i comuni una lettera di sensibilizzazione sui vari motivi per cui essere contro suddetto progetto.
Il Presidente, da ultimo, ricorda ai presenti che la procedura di consultazione per la riorganizzazione interna della FCTI è ormai partita, con l’inoltro dei documenti informativi a Distretti e Società venatorie. Il 29 gennaio prossimo è prevista l’Assemblea Presidenti, in cui le prime impressioni verranno raccolte dalla FCTI. I Distretti, da parte loro, dovranno cominciare a definire un candidato ciascuno
nel nuovo comitato, che passerà da 17 a 9 membri. La scelta dei candidati dovrà essere
effettuata in modo tale che la persona scelta abbia le competenze necessarie e la volontà di assumersi parecchio lavoro e responsabilità.
Per quanto riguarda l’Area Comunicazione, il responsabile informa di un recente incontro avvenuto con i redattori della rivista “La Caccia” e il Dipartimento del Territorio. Quest’ultimo, infatti, aveva recentemente sottoposto alla Redazione la possibilità di pubblicare degli articoli di interesse generale per il mondo venatorio provenienti dai vari uffici del Dipartimento stesso. La Redazione ha accettato di buon grado la proposta, riservandosi però la facoltà di scegliere gli articoli in questione, e di chiedere, in contropartita, il finanziamento di 3 patenti di caccia alta da destinare a cacciatori designati dalla FCTI (miglior candidato cacciatore, vincitore del Tiro Cantonale, ecc.). Si comunica inoltre che l’Associazione contro il progetto del Parco nazionale del Locarnese, nella persona di Aram Berta, ha inoltrato una lettera chiedendo di pubblicarla nel prossimo numero del bollettino FCTI. Per il numero di aprile, ha chiesto inoltre di poter usufruire di un ulteriore spazio informativo, in vista della votazione popolare dei comuni coinvolti nel progetto, prevista per il mese di giugno 2018. Il Comitato decide di concedere due pagine nel numero di aprile. Il Comitato decide poi di organizzare, nel 2018, una serata informativa per i cacciatori dedicata al tema dell’igiene delle carni. La data è ancora da definire.
Il responsabile dell’Area Ungulati presenta i dati definitivi delle catture dell’ultima stagione venatoria e sottopone ai presenti, le proposte degli indirizzi FCTI per il regolamento venatorio 2018. Dopo brevi discussioni, i presenti accettano con larga maggioranza le proposte in questione.
Per l’Area Selvaggina Minuta, il responsabile informa che la locandina di presentazione per il corso di conduzione dei cani da caccia sulla selvaggina di montagna, prevista per il 17 marzo 2018 presso l’Hotel Perla a S. Antonino, è in fase di preparazione. La stessa verrà in seguito pubblicata sul sito FCTI e sulla rivista di febbraio.
Per l’Area Formazione ed Esami, il responsabile comunica che l’attuale Presidente della Commissione Esami, Vasco Gamboni, rinuncerà al proprio mandato alla fine degli esami del 2018.  I presenti ne prendono atto con rammarico, lodando il suo impegno in questi anni.
Il responsabile dell’Area Territorio e Habitat informa che al momento solo 5 progetti di recupero habitat (solitamente sono una ventina!) sono stati inoltrati dalle società venatorie. Si decide quindi di sollecitare le stesse.
Per quanto concerne l’Area giuridica e legislazione, si comunica che la FCTI ordinerà 600 brochures di sensibilizzazione, stampate da CacciaSvizzera, che riguardano l’annoso tema delle recinzioni abusive che provocano ogni anni la morte di troppi selvatici.
Negli eventuali, il responsabile dell’Area Tiro informa che l’UCP ha chiesto conferma alla FCTI della sua disponibilità nell’organizzazione del tiro obbligatorio per il cacciatore che vuole staccare la patente.