Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
 

Da parte dell'associazione cacciatori Valdivedro, è giunto l'invito a pubblicizzare sul nostro sito la quarta Giornata del cacciatore organizzzata all'Alpe Solcio in comune di Varzo (Verbania), prevista per il prossimo fine settimana. La manifestazione può rappresentare una piacevole occasione per incontrare i nostri vicini Ossolani e scambiare impressioni sui rispettivi sistemi di gestione venatoria. Per scaricare il programma dettagliato clicca qui.

Cogliamo inoltre l'occasione per annunciare che il prossimo 2 ottobre (10-17) sarà organizzata una Festival della Selvaggina a Brissago presso il Centro Dannenmann

 

l Consiglio di Stato ha stabilito il regime venatorio valido per la stagione 2016. Le modifiche sono pubblicate sul Foglio ufficiale e saranno distribuite a tutti i cacciatori al momento del rilascio della patente. Per visionare l'intero documento, clicca qui.
La caccia alta avrà luogo dal 1° al 20 settembre, ad eccezione di domenica 18 settembre (Festa federale), con un’appendice dal 23 al 25 settembre 2016. Per il camoscio, è stato corretto un errore: il cacciatore che abbatte una femmina non allattante
di almeno 2,5 anni può prendere subito il maschio di almeno 2,5 anni, senza dover attendere il 4 settembre (come scritto nella prima versione). Di seguito, riassumiamo le principali modifiche, già annunciate con la nostra newsletter dello scorso 18 luglio.

 

Lai Blau, 3.7.2016

Riunione del Comitato centrale dell’11.7.2016 (di Patrick Dal Mas e Enzo Barenco)
In entrata di seduta il Presidente esprime la propria soddisfazione per l’inserimento nel nuovo regolamento venatorio 2016 della maggioranza delle proposte portate avanti dalla FCTI. Un qualche rammarico però per la tempistica tardiva con cui l’UCP ha presentato alla FCTI la bozza del nuovo regolamento, non dando quindi più spazio per un’ultima verifica, e per alcune proposte non accettate, come quella dell’abbattimento della cerva allattante durante gli ultimi 2 giorni di caccia e della negata reintroduzione della tasse di Fr. 2.- per una maggior protezione e gestione della femmina trainante di cinghiale.

 

Riunione del Comitato centrale del 20.6.2016 (di Patrick Dal Mas)
In entrata di seduta il Presidente comunica che la data della prossima Assemblea Delegati è fissata per il 6 maggio 2017 a Brissago. Si felicita poi per il buon esito del Tiro Cantonale 2016 appena conclusosi con una partecipazione attiva di 266 tiratori, record per questa manifestazione dal 2007. Un particolare ringraziamento va agli organizzatori dell’Area Tiro. Non ci sono novità invece sul futuro regolamento d’applicazione da parte dell’UCP. Il Presidente informa i presenti sui contenuti e i gruppi di lavoro della giornata di studio del Comitato FCTI prevista per sabato 25 giugno presso l’Albergo Belvedere a Locarno Monti. Da questa giornata dovrebbero scaturire delle proposte di revisione dell’organizzazione interna, della procedura per la definizione delle proposte per i nuovi regolamenti venatori e degli obiettivi generali della Federazione.

 

Da sinistra: il presidente FCTI, il tiratore più giovane e il sindaco del Comune di Blenio, signora Claudia Boschetti

Malgrado una meteo bizzarra e temperature tutt'altro che estive, il successo del 44° tiro cantonale di caccia è stato assicurato dalla partecipazione di  266 cacciatrici e cacciatori (sedici in più rispetto alla precedente edizione), recatisi a Olivone durante il weekend del 17/19 giugno 2016. La modifica di regolamento che permetteva di sparare il tiro a palla unicamente con le armi da caccia (con calibro minimo di 270 millesimi di pollice) non ha posto nessun problema, anzi, la stessa è stata apprezzata da molti cacciatori, contenti di un confronto ad armi pari. Come gli scorsi anni, la competizione si è svolta sui bersagli camoscio, capriolo, lepre e piattello. Re del tiro è risultato